Category Archives: News E Articoli Dal Web

The Childhood of a Leader – svelato il ruolo di Rob + Michael Epp si aggiunge al cast

Robert Pattinson, Juliette Binoche e Tim Roth non sono i soli protagonisti di The Childhood of a Leader ,  Michael Epp infatti si aggiunge al cast col ruolo di Mr. Advisor.

Intanto una screen di English.crew-united.com ci informa che Robert interpreterà Charles. [qui la sinossi del film]

crew
 leader actor

THE ROVER: Premiere a Londra il 6 Agosto

Robert e Guy sono attesi al British Film Institute a SouthBank (Londra) per uno screening di The Rover
imagebam.com

The Rover: Intervista con The Courier Mail

Seven weeks in the baking heat of the South Australian Outback has accomplished something even an army of vengeful Volturi couldn’t.

Described by one influential industry magazine as “career redefining”, Robert Pattinson’s against-type performance as a slow-witted drifter in desert Noir thriller The Rover has enabled him to emerge from the long shadow cast by the Twilight franchise.

That might explain the 28-year-old English actor’s relaxed and charming demeanour during interviews for David Michod’s hotly-anticipated follow-up to Animal Kingdom — the film that reinvented both Jacki Weaver’s and Ben Mendelsohn’s careers — which stands in marked contrast to his polite and unassuming but slightly-guarded approach to the media at the height of the Twilight phenomenon.

Pattinson says the glowing reviews that came out of the Cannes Film Festival last month, where The Rover screened in a prestigious midnight slot, felt like a validation “for about five seconds”.

Continue Reading →

Nuova outtakes di Robert da “Les InRockuptibiles magazine” + intervista

Sulla rivista Les InRockuptibiles abbiamo un Pattinson nella vasca *_* Che dire? MAGNIFICO !
 photo croppedSanstitre2.jpeg

“Sapete se c’è in giro Leos Carax? ” chiede Robert Pattinson ingenuamente . (Camicia bianca e e maglietta color cachi bucata ) quando evochiamo Juliette Binoche e  “Les amants du Pont Neuf ” , uno del suoi film preferiti.

Noi gli spieghiamo che il padre di “Monsieur Merde” (film del regista Carax nota nostra) non è un frequentatore dei party a Cannes, ma è probabile imbattersi in lui ogni mattina , al momento della colazione con un cornetto e caffè in un bar della XXma via a Parigi.

“Wow, seriamente ? “ Rob sembra essere pronto a lasciarci per saltare su un treno ad alta velocità diretto a Lione . Un film di Carax con Pattinson ? Perché no? Nulla sembra essere vietato per l’attore British , che è diventato una star con la saga di Twilight , a cui è stata succhiata la linfa vitale dai paparazzi dopo la sua relazione (e rottura) con Kristen Stewart , e oggi è corteggiato dai più prestigiosi registi il mondo.

Continue Reading →

New entry nel cast di Idol’s Eye

EDIT: Dopo la news di DeNiro dentro al progetto, apprendiamo che anche Rachel Weisz sarà parte del cast :3 BELLISSIMA !!!

Robert De Niro si unisce al cast di , film che inizierà le riprese ad Ottobre 2014 a Chicago e Toronto. Dirige Oliver Assayas e con protagonista anche il nostro Robert PATTINSON ;)

[Qui una sinossi ] - Ipotizziamo che Robert Pattinson potrebbe interpretare uno dei ladri e Robert De Niro  il boss della mafia di Chicago, Tony Accardo. 

idols eye

 

NUOVO PROGETTO PER ROBERT: Idol’s Eye di Olivier Assayas !

Olivier Assayas l’aveva annunciato pochi giorni fa, ma oggi Robert conferma il rumor: Farà parte del film Idol’s Eye che sarà girato dal prossimo Novembre.

SINOSSI DEL FILM:

Il film era precedentemente noto con il titolo “Hubris” un crime-thriller ambientato nel mondo della criminalità organizzata nella Chicago degli anni ’70; Basato su un articolo del 2007 comparso su Playboy di Hillel Levin, intitolato Boosting the big tuna, si focalizza su una gang di ladri guidata dal noto criminale John Mendell che svaligia un banco di pegni, ma ben presto scopre che l’attività serve a coprire le mosse del più brutale boss della mafia di Chicago, Tony Accardo.

Olivier+Assayas+Jury+Press+Conference+64th+gF62H0iNvlTl

notizia NOSTRA

Recensioni Maps to the stars

Nella gallery della nostra pagina Facebook abbiamo raccolto le prime impressioni della stampa al film di Cronenberg. Qui sotto ne riportiamo alcune:


-Studio Cinelive Magazine- CRONENBERG TRUCIDA HOLLYWOOD CON UN FILM IPNOTICO

David è tornato! Dimenticate il cupo Cosmopolis o il semplice A Dangerous Method , Cronenberg torna di nuovo al suo dominio di preferenza: ruvido , trash con personaggi folli e un’atmosfera ipnotica. 

Maps To The Stars è come una rinascita della sua filmografia. Forse perché per la prima volta condivide codici del pamphlet in questa rappresentazione buia e incandescente di Hollywood, dove i falsi pretesti sono impostati come codici morali.

Una famiglia di pazzi , il ritorno di una stella , un giovane roquet , una piromane schizofrenica -poetica e un giovane autista di limousine con un sorriso predatore che scopa sul sedile posteriore:
Cronenberg si diletta su questi personaggi folli e questa cultura delle apparenze in un film molto passionale.
Maps To The Stars è crudo e ipnotico, tra realtà e fantasia , sogni e incubi. Fino a un finale gelido e violento perseguito con eventi sorprendenti.

Mia rivela il suo lato “fiore velenoso” , Robert Pattinson dimostra che è più di un bel viso e Julianne va verso quello che diventerà LA performance di una carriera che è già brillante. Proprio come Cronenberg , che si rinnova con questo cinema contorto , distinto e intelligente.

_________________________________________________________________________

-Movie City News-
Lo script di Wagner chiede agli attori di fare e dire cose perverse con una faccia seria, non avremmo avuto il film nella forma attuale senza Cronenberg alla regia che racconta la violenza e una capacità di dissezione psico-bizzarra. Ogni attore,soprattutto Julianne Moore, sorprende con il suo desiderio di seguire la corrente di dissolutezza. Mia Wasikowska è folle nel ruolo dipiromane. Robert Pattinson non ha più bisogno di dimostrare la sua autenticità in quanto vero e proprio attore. Ed infine Evan Bird nel ruolo di un esilarante stronzo narcisista. Ne siamo sicuri,Maps to the Stars diretto da Cronenberg e scritto da Wagner( è un film d’autore,cazzo) emerge a Cannes 2014, ed è il miglior film che il regista ha fatto dal 2005.

_________________________________________________________________________

Continue Reading →

Recensioni THE ROVER

Abbiamo raccolto nella nostra pagina facebook  le prime reazioni della stampa al film THE ROVER di David Michod con Guy Pearce e Robert Pattinson. Di seguito un breve assaggio.
imagebam.com

-LOS ANGELES TIMES-
PEARCE E’ ECCEZIONALE, PATTINSON E’ LA RIVELAZIONE!!

_________________________________________________________________________

-Movieplayer-
Questa atipica coppia di antieroi funziona anche grazie a due interpreti, con Pierce che ha qui forse uno dei migliori ruoli della sua carriera, recita con il fisico e con gli sguardi e illumina con la sua presenza ogni singola scena del film. Non è un attore che scopriamo certamente adesso, ma è anche un attore che da sempre fa “poco rumore” e vedendo performance del genere viene spontaneo chiedersi come mai. Per Robert Pattinson invece è un discorso esattamente opposto, perché è evidente che fino a questo momento ha raccolto molto più di quanto ha seminato, un po’ per il prolungato effetto Twilight e un po’ perché sembra particolarmente benvoluto da autori di grande spessore quali Cronenberg, Herzog, Gray; se finora quindi veniva abbastanza istintivo storcere il naso quando veniva nominato, da oggi in poi dovremo prestagli molta più attenzione, perché in questo film riesce finalmente a mostrare di che pasta è fatto e lo fa con un ruolo difficile, un ruolo in cui bastava davvero poco per risultare poco credibile se non addirittura grottesco e rischiare di rovinare così l’intero film. La seconda opera diretta dal talentuoso Michod è un film affascinante e riuscito per molti aspetti, ma certamente catturerà l’attenzione del pubblico soprattutto grazie alla presenza di Pattinson: il giovane attore ci regala qui la prima grande prova della sua carriera, ma ciò non toglie che è uno straordinario Guy Pearce a dominare il film dalla prima all’ultima inquadratura, con una presenza scenica straordinaria e degli sguardi che valgono più di qualsiasi dialogo. potente, ed è il genere di cosa che John Webster o Thomas Middleton e William Rowley avrebbero potuto scrivere se fossero nati nel 21 ° secolo : un incubo claustrofobico e disperato.

_________________________________________________________________________

-Cineblog-
L’intensità, quella vera, in The Rover attiene ai personaggi, al loro incedere lento in un modo che nessuno di loro riesce più a decifrare (e come potrebbe?). Sperduti, impauriti, in alcuni casi fuori di senno, anche quei comprimari “costruiti”, evidentemente fuori luogo, funzionano perché attraverso le loro stramberie, i loro atteggiamenti inquietanti, c’è tutta la tragedia di un contesto pericolosamente allo sbando. Il duo Pearce-Pattinson riesce alla meraviglia, aggiungendo uno strato ulteriore su cui varrebbe la pena soffermarsi in dettaglio se non si corresse il rischio di dire più del dovuto. Vi basti che senza di loro il film sarebbe proprio un’altra cosa – azzardiamo: fine a sé stessa addirittura. Il regista australiano trova in qualche modo un pertugio per infilarci qualcosa che punti pure allo stomaco, sebbene coperto da un manto di sana intellettualità (giusto per distinguere dall’intellettualismo), che più che alla citazione e alla cultura punta a ragionare su uno stato di cose. Per immagini. Come piace a noi.

_________________________________________________________________________

Continue Reading →

Premiere intervista Robert

14 aprile 2014. Sono passati quattordici minuti da quando Robert Pattinson è scomparso in una delle stanze di questo grande magazzino, trasformato, per l’occasione, in uno studio fotografico che lo aiuti ad ottenere il make-up idoneo. Quando finalmente esce, il suo volto è coperto da vernice bianca e nera che svanisce solo dopo che ci siamo adoperati gettandogli litri di acqua e Gatorade in faccia.

E’ chiaro a tutti  che l’idolo adolescente della saga di Twilight è completamente scomparso. Ha lasciato al suo posto un attore che è sempre più affascinante, un artista(ha detto la sua anche sulla gestione della scena della sessione con il fotografo Danielle Levitt) la cui filmografia sta cominciando a impressionare seriamente. Dall’inizio dell’anno, ha girato con Werner Herzog(Queen of the Desert) e Anton Corbijn (Life),ai quali si aggiungerà presto  (The Lost City of Z) con James Gray. Dopo aver presentato Cosmopolis lì nel 2012, sta per ritornare a Cannes con due film: Maps to the Stars, che segna la sua reunion con David Cronenberg e The Rover, il nuovo lungometraggio del prodigio australiano David Michôd (Animal Kingdom, 2011). Un western futurista in cui Pattinson, più sconcertante che mai, dimostra che il futuro gli appartiene.

PREMIERE: Ti abbiamo lasciato due anni fa nella parte posteriore della limousine in Cosmopolis e ti troviamo ancora una volta alla guida nel nuovo film di David Cronenberg, Maps to the Stars. Lo ha fatto di proposito?
ROBERT PATTINSON: Forse stiamo sviluppando l’idea di una trilogia intorno alle limousine… non so se è stata una decisione consapevole da parte sua o meno.

PREMIERE: L’aspetto ricorrente è che in ogni film, ti ritrovi a dormire con un’attrice affermata.
ROBERT: Quella scena con Julianne Moore è stata davvero divertente. Ci eravamo conosciuti poco prima di girare.

PREMIERE: E’ stato anche il caso di Juliette Binoche quando hai girato la scena di sesso in Cosmopolis. E’ un nuovo modo di accogliere le attrici sul set?
ROBERT: Ricordo di aver visto Juliette, prima di iniziare le riprese della scena. Lei mi stava dando consigli: “Mantieni questa scelta di progetti di classe e scegli film intelligenti ” E improvvisamente, David dice: “Azione!” E cominciamo a far sesso come bestie in macchina. Molto elegante,è vero…(Ride). Faceva veramente caldo. Sudavo tantissimo,pazzesco,avevo delle gocce di sudore che mi scorrevano lungo la fronte. Mi sono chiesto se non stessi per avere un attacco di cuore. Ogni volta che una goccia cadeva, facevo di tutto per impedire che finisse sulla schiena di Julianne. E’ stato ridicolo. Ad un certo punto lei si è girata verso di me, preoccupata e mi ha chiesto: “Stai bene? Stai per avere un attacco di panico? “Ero senza fiato, completamente inzuppato,al contrario di lei.

PREMIERE: Non sembri il tipo di attore che fa solo metà del lavoro.
ROBERT: Esattamente. E’ il mio sudore che si vede sullo schermo. In The Rover, il mio problema erano le mosche. Non avevo mai visto niente di simile. Eravamo costantemente coperti di sangue finto,e appena mettevamo piede sul set ,una cinquanta di mosche erano sempre in agguato,ci circondavano. Per tutto il giorno,senza un minuto di tregua.

Continue Reading →

ROBERT PATTINSON: CARRIERA ATTO SECONDO!

Articolo di di Craig Mathieson per www.sbs.com.au

imagebam.comL’ex idolo delle Teenager continua il suo percorso cinematografico in film indie con un ruolo nel nuovo film del regista di “Control” ,  Anton Corbijn.

Robert Pattinson potrebbe proprio rimanere nel mondo del cinema a lungo. L’attore britannico, che era molto pallido nei cinque film di Twilight e era vittima di urla isteriche da parte delle fan ogni volta che andava a una premiere, ha iniziato ad imbastire un vero e proprio secondo atto della sua carriera.
E’  già stato protagonista dell’adattamento di Cronenberg del “Cosmopolis” di Don DeLillo e nel mese di giugno  gennaio ha recitato con Guy Pearce in “The Rover” di David Michod, il seguito di Animal Kingdom dello sceneggiatore e regista.
Ora Pattinson è protagonista in un film dell’ex fotografo olandese, ora divenuto regista, Anton Corbijn (Control), anche se non nel ruolo che ci si aspetterebbe.
“Life” è la storia dell’amicizia fra l’icona teenager degli anni ’50 James Dean ( Gioventù bruciata ) e il fotografo Dennis Stock, e Pattinson interpreterà Stock, non Dean.
Il tanto lodato Dane DeHaan ( The Place Beyond the Pines ) ritrae il giovane attore , la cui leggenda è stata cementata dalla sua morte all’età di 24 in un incidente automobilistico nel 1955.
Le immagini che Stock ha scattato di Dean hanno contribuito a formare il suo fascino postumo, e il cast del film comprende Joel Edgerton ( The Great Gatsby ) nel ruolo dell’agente di Stock, John Morris, e Ben Kingsley (Iron Man 3).

Traduzione e via | Fonte